Foto Panoramica a 360° in piazza a Frassinoro


FRASSINORO (1131 m slm)

Foto Panoramiche a 360°
in un Virtual Tour dell'Appennino Modenese

Ogni foto panoramica a 360° è collegata alle altre tramite links.
Puoi navigare le altre pagine delle panoramiche corredate di molte altre informazioni su ogni monte da qui:



Torna alla pagina SENTIERO DEL CRINALE

Dal satellite

Zona di Frassinoro vista dal satellite

Vedi la zona dal satellite
con Google maps


Video sui combattimenti della settimana matildica

In questa zona montana la coltivazione intensiva della collina lascia il posto ad una conduzione agricola estensiva di tipo silvo pastorale.
Le estese praterie offrono una ampia possibilità di pascolo estivo per ovini e bovini.
L'allevamento bovino, in particolare, alimenta una discreta attività casearia organizzata per la lavorazione dei latticini.
Particolarmente rinvigorita in questi ultimi anni, è la ceduazione dei boschi per la produzione di legna da ardere e per il rifornimento di attività di lavorazione del legno.

Rimangono a testimonianza di una attività ormai scomparsa le piazzole adibite a carbonaia all'interno delle faggete, la cui produzione di carbone costituiva un'importante attività economica fino ai primi decenni del secolo scorso.

Di crescente importanza, è la raccolta e la trasformazione dei prodotti del sottobosco che ha stimolato l'attivazione di piccole attività industriali gestite da privati o cooperative.
In crescita è il settore turistico, sia nella stagione invernale, vista la possibilità di praticare sport come lo sci da discesa e da fondo, sia nella stagione estiva, nella quale vengono proposte con sempre maggior cura queste forme di esposizioni culturali, storiche di cui Le Settimane Matildiche rappresenta la principale espressione. In parallelo cresce l'attività alberghiera e dei mercatini, aumentando la ricettività su gran parte dei capoluoghi della comunità montana.

Cenni storici di Frassinoro

Centro e sede di comune in posizione altimetrica elevata e al centro di estese praterie dove per secoli gli abitanti si sono dedicati alla pastorizia. E' nel 1070 che, Frassinoro con la fondazione dell'Abbazia voluta da Beatrice di lorena madre della contessa Matilde, raggiunge il massimo riconoscimento e potere. All'atto di fondazione fa seguito la donazione di territori, rocche, chiese e beni sparsi su di un territorio che dalla garfagnana copriva il reggiano fino alle zone di pianura. Il dominio temporale della badia non subì gravi scosse fino alla metà del secolo XII, allargando ulteriormente i propri domini fino a quando non iniziarono i contrasti con il Comune di modena a cui seguirono gravi fatti d'arme che sancirono di fatto la fine del potere temporale dell'Abate di Frassinoro.

Fu l'atto del Duca di Modena Francesco III, che sancì nel 1771 la fine e ilò sequestro dei beni appartenuti alla Badia, anche se pare che l'Abbazia non esistesse già più a partire dal XV secolo.Dell'antico complesso abbaziale non restano altro che frammenti, in parte reimpiegati nella chiesa, nella canonica e nell'attigua casa colonica.Molto interessante dal punto di vista artistico è la "Colomba eucaristica" in rame smaltato, del XII secolo, custodita presso la chiesa parrocchiale.

Settimana Matildica

Giunti a Frassinoro verso le 16.00 troviamo la piazza centrale allestita per la rappresentazione dei combattimenti medievali, di cui ho montato un breve filmato, mentre la panoramica qui sopra è composta da un giro di foto a 360° scattate intorno alle 19.00, quando ormai il piazzale è ampiamente in ombra.

Nel piazzale lungo la via per Piandelagotti troviamo la rappresentazione realistica di un antico accampamento di tende di gusto medievale, realizzato molto fedelmente, dove ogni particolare è riprodotto secondo gli usi dell'epoca.

Vi sono personaggi vestiti con costumi tipici dell'epoca e che realmente gestiscono l'accampamento secondo le possibilità che avevano in passato, sia come materiali che come strumenti di lavoro.
Qui li vediamo al lavoro con la legna ed un curioso "portaspade" che assomiglia alle rastrelliere portasci tuttora praticissime al di fuori dei locali di ristoro invernali, sulle poste da sci.

Girando per le bancarelle nella piazza e nelle viuzze di Frassinoro, curiosando tra tessuti filati sul momento, mosaici, spezie e dolciumi ci imbattiamo nel banchetto dell'armaiuolo, personaggio tipico dell'epoca medievale, che in realtà si rivela un vero esperto delle armi ed è disponibilissimo a soddisfare la curiosità della gente, rispondendo alle domande sulle armi antiche che sono esposte, la loro costruzione, i materiali, l'uso, le loro particolarità nella storia del nostro Appennino, in modo particolare sugli archi di cui è costruttore con il legno di tasso, le frecce con le loro diverse punte, e le lance.

La tessitrice di nastri esibiva invece un'abilità straordinaria nell'uso di questo particolare telaio composto al massimo da venti tessere, atte ad incrociare fra loro i fili di lana di diversi colori, e creare così un motivo nella tessitura di un nastro.

Dopo aver visitato bancarelle di tutti i tipi, dalle vendite di spezie, all'aceto balsamico, ai dolci, alle tante forme di artigianato locale

Ci fermiamo anche a gustare una specialità di qui: i ciacci, la cui preparazione è molto simile ai borlenghi, ma con una leggera differenza nell'impasto che li rende più friabili e appetitosi.

  • Manifesto della settimana matildica nelle terrre della Badia
  • Costumi tradizionali dei guerrieri nel periodo medievale di Matilde di Canossa
  • Rappresentazione di un accampamento medievale
  • Fotografie di costumi e mestieri medievali nell'accampamento
  • Spade sistemate all'uso dell'epoca medievale
  • Banchetto dell'armaiuolo, personaggio caratteristico della settimana matildica, disponibilissimo a soddisfare le curiosità della gente sulle armi esposte
  • Foto esposizione delle armi medievali, archi, frecce, lance ecc. nel banchetto dell'armaiuolo
  • Il personaggio dell'armaiuolo è in realtà un vero esperto di armi medievali, ne conosce la storia, i materiali, ecc
  • Immagine della legatura della piuma alla freccia
  • Scudo medievale con stemma matildico a sbalzo nel metallo
  • Vari tipi di elmo indossati da guerrieri in epoca matildica
  • I Tipi di frecce con punte differenti a seconda dell'uso
  • Attrezzi dell'epoca usati per fabbricare archi e frecce, e legni particolari
  • Bancarella di spezie locali e del lontano Oriente
  • Fotografia del movimento particolare delle mani della tessitrice
  • Foto di antichi arnesi usati nel Medioevo per la tessitura di nastri ed orli
  • Mercato delle spezie
  • Bancarelle a frassinoro per la Settimana Matildica
  • Bancarella di dolci tipici
  • Bigiotteria creata dall'artigianato locale
  • Artigianato del legno a Frassinoro
  • Tessitura antica di nastri in lana
  • Realizzazioni artigianali in sasso e vari materiali di recupero
  • Cucina tipica dell'Appennino modenese
  • Preparazione dei ciacci
  • I ciacci una tradizione tipica della cucina di Frassinoro
  • I funghi sono uno dei più raccolti e venduti prodotti del sottobosco
  • Vicolo di Frassinoro

Chi siamo

Rinaldi Annamaria Foto panoramiche a 360° Virtual Tour Appennino Modenese e Toscano. Video Combattimenti medievali della Settimana Matildica. Lavoriamo a Modena, Sassuolo, Carpi, Vignola, Lucca, Frassinoro, Bologna, Reggio Emilia, Milano, Roma.

Privacy Policy

Foto panoramiche e navigazioni virtuali

Vedi altri esempi di foto panoramiche in HTML5

Contatti

  • Mobile:
    333 7334899
  • Email:
    ram@graficawebmodena.it
  • Indirizzo:
    via R. Prati, 54 41126 Modena Italia
  • P. IVA: 03103270363